Da Vidal a Kovacic e Depay: Thohir punta la semifinale UCL

Il Giorno fa il punto sul mercato da Champions che attende l’Inter. Tanti i nomi per il futuro nerazzurro: mini-budget da 50 milioni di euro per arrivare a obiettivi importanti, da Arturo Vidal del Bayern Monaco a Nicolò #Barella del Cagliari, da Bryan Cristante dell’Atalanta a Erik Lamela del Tottenham, da Mateo Kovacic del Real Madrid a Memphis #Depay del Lione fino a Josip Ilicic e Mousa Barrow dell’#Atalanta.
 Torna a parlare dell’Inter anche Erick #Thohir: il presidente nerazzurro coglie l’occasione per celebrare il trionfo nel campionato IBL della sua squadra di basket, i Satria Muda Pertamina, e il ritorno della squadra nerazzurra in Champions League. A detta del tycoon, entrambi i traguardi hanno un punto in comune, ovverosia “il grande lavoro della squadra e del management”, come affermato ai cronisti indonesiani davanti agli uffici della #Inasgoc, il Comitato organizzatore degli Asian Games del 2018.
Parlando nello specifico dell’Inter, #Thohir aggiunge: “Il management deve avere un leader forte, fermo nel prendere le decisioni, ma anche una missione condivisa, orientata all’azione. E, cosa più importante, bisogna costruire dei network e collaborare con altre parti. Per l’#Inter ho voluto costruire in primo luogo un management forte, anche perché non è facile per me la gestione del club non essendo sempre a #Milano. L’obiettivo era tornare in Champions League entro cinque anni,e quest’anno ci siamo riusciti”. Poi, non contento, decide di alzare il tiro chiedendo alla squadra prestazioni ancora migliori la prossima stagione, ad esempio provando ad arrivare alle semifinali del prossimo torneo continentale. “Per raggiungere questo obiettivo, manterremo Luciano #Spalletti in panchina e cercheremo di accontentare le sue esigenze. Poi rinforzeremo la squadra comprando giocatori nuovi. E ovviamente rinforzeremo la società stessa”.

Moratti: “Inter, riecco l’anima. Suning rinforzerà questa rosa”

Intercenttato dai giornalisti sotto la sede della Saras, Massimo #Moratti ha parlato della qualificazione in Champions League raggiunta ieri sera dall’Inter con la vittoria ottenuta all’Olimpico. Queste le parole raccolte dall’inviato di #FcInterNews: “La vittoria è stata grandissima, il tipo di partita ha dato una grande soddisfazione alla fine. Emotivamente è stata una  partita anche bella. Ci ha restituito la sofferenza di quest’anno e la non sicurezza di centrare la Champions”.
A chi vanno i maggiori meriti?
“In questi casi a tutti. I giocatori ci hanno messo il cuore, si è rivista un’anima vera all’Inter, #Spalletti al momento giusto ha preparato la partita giusta e ha portato avanti bene il suo primo anno, non è facile a #Milano. La società lo ha sostenuto, dà un’idea di futuro e mette in condizione i giocatori di giocare serenamente”.
FcIN – Che mercato si aspetta da parte di Suning?
“Per un giorno ci lasci il tempo di pensare che siamo entrati in #Champions in questa maniera piacevole e sorprendente. Al mercato penserà la società, penso cercheranno qualcuno che dia maggior peso a una rosa già buona”.
FcIN – La sorprende che il capocannoniere della Serie A probabilmente non andrà ai Mondiali?
“Vuol dire che in #Argentina hanno giocatori fortissimi, ma lui ha carattere ed è decisivo e forse è un errore dell’Argentina non convocarlo”.
Un pensiero Mancini e Balotelli insieme in Nazionale?
“Fa piacere per entrambi, #Mancini è andato in Nazionale con le stesse  motivazioni con cui è venuto all’Inter, dove vinse molto. Spero faccia la stessa cosa con tanta voglia e tanto piacere in questa nuova avventura. Gli auguro di fare molto bene e lo auguro a tutti noi. #Balotelli ha grandi doti e se Mancini lo inserirà in Nazionale farà benissimo.
Quella di ieri è l’emozione più bella dopo il Triplete?
“Il risultato è l’emozione più bella, adesso diventa un impegno e sarà affrontato seriamente e con grande carattere da parte della squadra”.