Inter: il futuro è con Lautaro, magari con Kanté

Una vittoria pesante può definire i ruoli. O meglio, gli status. Soprattutto nel calcio, dove spesso ci si interroga sul dove e come collocare questo o l’altro calciatore: è un bidone (per usare termini terra a terra)? Uno normale? Un buon giocatore? Oppure un fuoriclasse? Magari un top player, termine che va tanto di moda nel calcio attuale. Oggi, chi è Lautaro Martinez? Difficile esprimersi, più che altro perché si tratta di un attaccante di 23 anni, davanti c’è una carriera lunga e parecchi margini di miglioramento. Tuttavia, uno scudetto vinto da protagonista (15 gol e otto assist in 33 presenze) rappresenta un’ottima base dalla quale partire per avvicinarsi alla dimensione dei migliori.

Una vittoria pesante può definire i ruoli. O meglio, gli status. Soprattutto nel calcio, dove spesso ci si interroga sul dove e come collocare questo o l’altro calciatore: è un bidone (per usare termini terra a terra)? Uno normale? Un buon giocatore? Oppure un fuoriclasse? Magari un top player, termine che va tanto di moda nel calcio attuale. Oggi, chi è Lautaro Martinez? Difficile esprimersi, più che altro perché si tratta di un attaccante di 23 anni, davanti c’è una carriera lunga e parecchi margini di miglioramento. Tuttavia, uno scudetto vinto da protagonista (15 gol e otto assist in 33 presenze) rappresenta un’ottima base dalla quale partire per avvicinarsi alla dimensione dei migliori.

IL BARÇA? NO, C’È L’INTER

L’Inter ha resistito al pressing del Barcellona, che nel recente passato aveva individuato in lui l’attaccante del futuro: nulla da fare, anche grazie alla volontà del ragazzo che a Milano è diventato uomo e padre (a febbraio la compagna Agustina ha dato alla luce la piccola Nina). Le vie del calcio – e del mercato – sono infinite, ma allo stato attuale si fatica a pensare a un’Inter che possa rinunciare al proprio numero 10

Il cambio di agente (ufficializzato di recente l’accordo con la FootFeel di Alejandro Camano) non cambierà gli scenari per un rinnovo fino al 2024 solamente da ufficializzare. Sarà un accordo meritatissimo, per un giocatore che mai ha messo in dubbio il proprio legame con questi colori. In un’Inter finalmente campione, nel segno di Lautaro: uno che non vuole fermarsi, ma proverà a scalare gli status.

Sarebbe tutto più facile con Kanté?
“Senza dubbio, è un giocatore che a tutte le qualità per dare ancora più forza all’Inter. Noi prendemmo Sneijder quanto avevamo una squadra fortissima, ma lui ci mise in condizioni di diventare eccezionali. Lo stesso vale per Kanté, ma è difficile prenderlo: lo dico da tifoso, mi permetto di fare il tifoso” dice l’ex presidente Massimo Moratti 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *