Calciomercato Inter – Subito due colpi: ecco i regali per Conte!

Alla fine il cuore ha prevalso su qualsiasi altra cosa: Radja #Nainggolan sta per tornare al #Cagliari dopo cinque anni, affare in via di definizione con la formula del prestito secco che permetterà all’#Inter di risparmiare qualcosa sull’ingaggio del belga di 4,5 milioni netti.Ma in mezzo al campo il ‘Ninja’ non è l’unico esubero: con il foglio d’uscita anche Joao Mario (richiesto da Brighton e #Monaco) e Borja Valero, che potrebbe tornare alla #Fiorentina se decidesse di decurtarsi lo stipendio, al momento inaccessibile per le casse viola. (medicine degree)

Qualora riuscisse a piazzare entrambi, l’#Inter potrebbe regalarsi un nuovo rinforzo per la mediana, necessario a livello numerico: come riportato da ‘#Tuttosport’ il mirino è finito in #Spagna, a Barcellona, dove fanno gola sia Arturo Vidal che Ivan #Rakitic.Il cileno è un pupillo di Conte che lo ha allenato per tre stagioni alla Juventus, trasformandolo nel top player che è oggi; il croato non figura tra gli incedibili dei blaugrana e l’arrivo di #Frenkie De Jong potrebbe levargli minuti preziosi. Entrambi i rispettivi contratti scadranno nel 2021.

Dzeko vicino all’Inter, con la Roma sarà addio senza rancore

Non c’è stato un giorno, a #Trigoria, in cui Edin Dzeko non abbia dato consigli a qualche ragazzo giovane della #Roma. Non c’è stato giorno in cui non abbia sorriso e non abbia guidato il gruppo in allenamento. Questo atteggiamento, riconosciuto da tutti, gli ha evitato ieri a Perugia qualsiasi tipo di contestazione da parte dei tifosi, nonostante un accordo con l’Inter ormai noto a chiunque. (medicine degree)

#Dzeko aspetta i nerazzurri e, a meno di clamorose novità, non ha intenzione di rinnovare con la Roma e non vede l’ora di raggiungere #Conte a Milano, ma nonostante questo ha avuto e ha tuttora un atteggiamento impeccabile. Di rispetto per se stesso, la #Roma e la città dove si è sposato e dove sono nati i suoi figli. Questo, tra l’altro, sta consentendo alla Roma di tenere duro sul prezzo con l’Inter, perché avere a che fare con un giocatore che crea problemi avrebbe costretto #Petrachi, forse, a cedere in qualche modo.

Non solo: il direttore sportivo non era stato tenerissimo nei confronti di #Dzeko nel giorno della sua presentazione e qualcuno immaginava già un muro contro muro. Invece Edin, ha preso atto di queste parole (“Non è che uno si sveglia al mattino e decide di andar via, si mette d’accordo con un’altra squadra e ci ricatta. Se non ha gli stimoli giusti, porta una squadra che porta il grano e poi può andare. Non mi piace essere preso per la gola”), ma poi si è comportato da professionista. Si è allenato, ha giocato, ha indossato la fascia di capitano contro il #Gubbio ed ha segnato (l’ultimo centro ieri a #Perugia) e, soprattutto, ha stabilito un ottimo rapporto con Fonseca, che infatti ha sentenziato: “È un nostro calciatore, è anima e corpo con noi”. Probabilmente ancora per poco, perché l’Inter ha intenzione di regalarlo a Conte prima possibile e #Dzeko ha intenzione di fare altrettanto presto i bagagli, ma se c’era un modo giusto per lasciarsi che rendesse omaggio agli 87 gol in 4 anni (settimo marcatore all time della storia romanista), probabilmente è stato trovato in queste settimane a #Trigoria. Addio quindi, se davvero sarà, ma senza rancore.

Per l’attacco non ci sono novità importanti: #Cavani sarebbe entrato nell’ottica di rimanere al PSG fino a scadenza (tra un anno) per poi scegliere con tranquillità la futura destinazione. #Zapata costa troppo (l’Atalanta chiede 60 milioni), così come #Rodrigo del Valencia.Ai dirigenti nerazzurri sarebbero stati proposti #Kramaric dell’Hoffenheim e Ben Yedder del Siviglia, profili che però non infiammerebbero Marotta e #Ausilio. (medicine degree)